fbpx

Abbassare rata del mutuo? Come ridurre definitivamente gli interessi del mutuo

Home Abbassare rata del mutuo? Come ridurre definitivamente gli interessi del mutuo

abbassare rata mutuo

Abbassare rata del mutuo? Come ridurre definitivamente gli interessi del mutuo

Oggi parliamo di mutui che abbiamo già sottoscritto e di come abbassare la rata del mutuo e risparmiare migliaia di euro.

Oggi una delle più grandi opportunità di risparmio per le famiglie italiane è dentro le banche.

La maggior parte degli italiani, circa l’80%, ha sottoscritto un mutuo con una banca per la casa in cui vive, per la casa al mare, per la casa del figlio.

Tutti questi mutui godono dell’opportunità unica nella storia della finanza, vale a dire di essere rinegoziati a condizioni eccezionali.

Vediamo come. In questo momento ci sono i tassi fissi più bassi della storia: stiamo parlando di tassi di interesse che non cambiano del tempo una volta sottoscritti e che hanno un valore tra lo 0,5% e 1% annuo.

A questo punto le ipotesi sono 2:

  • Se siamo una famiglia che ha sottoscritto un mutuo a tasso variabile, per quanto oggi il tasso variabile costi molto poco è comunque possibile convertirlo in un tasso fisso che quindi non cambierà mai nel tempo. Allo stesso costo quindi possiamo comprare la sicurezza di non assistere mai ad un futuro aumento dei tassi.
  • Se invece abbiamo sottoscritto un mutuo a tasso fisso, (tassi fissi che fino a pochi anni fa venivano venduti ad un valore a partire dal 3% fino, in alcuni casi, anche al 6% annuo) oggi, rinegoziando il tasso fisso al valore attuale, potremmo ottenere un mutuo sempre a rata fissa ma con un risparmio notevole.

Facciamo un esempio: se ci troviamo con un mutuo che ha un debito residuo, vale a dire quanto dobbiamo ancora alla banca, di circa 100 mila euro e abbiamo ancora davanti 15 anni di rate da pagare con i tassi attuali potremmo vedere ridursi la nostra rata mensile di ben 100 euro al mese circa. Equivalente a un risparmio di 15-16 mila euro sul totale del debito residuo.

Come si fa quindi ad abbassare la rata del mutuo? Ci sono principalmente due strade.

Possiamo andare dalla nostra banca e chiedere una rinegoziazione da tasso variabile a tasso fisso ai valori attuali o dal tasso fisso vecchio, al tasso fisso nuovo. Se la banca accorda la modifica, proporrà un nuovo contratto da sottoscrivere presso la stessa agenzia senza necessità di recarsi dal notaio, quindi senza costi aggiuntivi.

Oppure, invece di andare dalla nostra banca possiamo andare da una concorrente che propone una offerta migliore. In questo caso si occuperanno loro di tutto effettuando una surroga: prenderanno il nostro vecchio mutuo e lo trasferiranno nella nuova banca alle condizioni rinegoziate, anche qui senza l’addebito di costi aggiuntivi (questo grazie a una legge del 2007, la Legge Bersani che prevede appunto che tutti i costi dell’operazione, compreso il notaio siano a carico della banca nuova).

Ora una postilla operativa: bisogna prestare particolare attenzione a tutti i contratti che vi propongono a fianco del nuovo mutuo sia con la banca originaria, sia con la nuova banca. Potrebbero farvi sottoscrivere delle polizze onerose. Al riguardo rimandiamo al post precedente https://www.outliersitalia.it/polizze-sui-finanziamenti-come-liberarsene

Se invece non siete sicuri delle condizioni applicate al vostro mutuo, ed avete bisogno di un’analisi, contattateci.

outliers